Save Preloader image

0%

MAMA: I PROSSIMI EVENTI

24 Luglio 2021

Richard Scheurlen. L’uomo e l’artista

1 Dicembre 2021

 

“Richard Eugene Napoleon Scheurlen torna ad Atzara con una importante esposizione che ripercorre l’opera del tardo impressionista tedesco ad oltre cinquant’anni dalla sua scomparsa. “Richard Scheurlen. L’uomo e l’artista”, patrocinata dal Comune di Atzara e dalla Comunità Montana Genargentu Mandrolisai, è a cura dell’associazione Antonio Corriga in collaborazione con la famiglia Scheurlen.
Ampiamente rappresentato in mostra è il ciclo dei paesaggi atzaresi e dei suoi personaggi, i temi più cari a Scheurlen, che acquistano intensità dopo il suo arrivo in Sardegna nel 1935 ed esprime, con l’occhio da viaggiatore qual era, il ciclo della vita in un paese rurale sardo nella metà degli anni ‘30.
Le 23 opere in mostra ricostruiscono un periodo che dal 1935, anno del suo primo arrivo nell’isola, fino al 1948 offrendo allo spettatore un viaggio a ritroso nel tempo con uno stile pittorico che ha influenzato profondamente la pittura isolana. In mostra si trovano opere dei suoi viaggi in Europa. La Sardegna ma non solo, la Grecia, la Dalmazia e la Germania i luoghi raccontati dall’artista in un vortice emotivo di sguardi e paesaggi indimenticabili e indimenticati”

“Non esiste cosa alcuna che l'arte non possa esprimere.”

MAMA I PROSSIMI EVENTI

24 Luglio 2021

Richard Scheurlen. L’uomo e l’artista

1 Dicembre 2021

 

“Richard Eugene Napoleon Scheurlen torna ad Atzara con una importante esposizione che ripercorre l’opera del tardo impressionista tedesco ad oltre cinquant’anni dalla sua scomparsa. “Richard Scheurlen. L’uomo e l’artista”, patrocinata dal Comune di Atzara e dalla Comunità Montana Genargentu Mandrolisai, è a cura dell’associazione Antonio Corriga in collaborazione con la famiglia Scheurlen.
Ampiamente rappresentato in mostra è il ciclo dei paesaggi atzaresi e dei suoi personaggi, i temi più cari a Scheurlen, che acquistano intensità dopo il suo arrivo in Sardegna nel 1935 ed esprime, con l’occhio da viaggiatore qual era, il ciclo della vita in un paese rurale sardo nella metà degli anni ‘30.
Le 23 opere in mostra ricostruiscono un periodo che dal 1935, anno del suo primo arrivo nell’isola, fino al 1948 offrendo allo spettatore un viaggio a ritroso nel tempo con uno stile pittorico che ha influenzato profondamente la pittura isolana. In mostra si trovano opere dei suoi viaggi in Europa. La Sardegna ma non solo, la Grecia, la Dalmazia e la Germania i luoghi raccontati dall’artista in un vortice emotivo di sguardi e paesaggi indimenticabili e indimenticati”

La nascita di un museo d’arte moderna

e contemporanea in un piccolo centro dell’isola, si giustifica con le vicende del primo Novecento

che portarono ad Atzara due pittori spagnoli Costumbristi Eduardo Chicharro y Agüera e

Antonio Ortiz Echagüe, affascinati dagli abiti e dalle tradizioni popolari locali 

La nascita di un museo d’arte moderna e contemporanea in un piccolo centro dell’isola, si giustifica con le vicende del primo Novecento che portarono ad Atzara due pittori spagnoli Costumbristi Eduardo Chicharro y Agüera e Antonio Ortiz Echagüe, affascinati dagli abiti e dalle tradizioni popolari locali 

ANCHE AL MAMA 

La mappa turistica dei luoghi della cultura: ottieni gli sconti sui prezzi dei biglietti

Una sorpresa inaspettata, un viaggio ricco di fascino e suggestioni alla scoperta dei tesori pittorici dei Maestri del Novecento in Sardegna

Una sorpresa inaspettata, un viaggio ricco di fascino e suggestioni alla scoperta dei tesori pittorici dei Maestri del Novecento in Sardegna

LIBRI, CATALOGHI, POSTER, GADGET

Visita il nostro bookshop online o quando vieni a trovarci

Visitare Atzara, inserito tra i borghi più belli d’Italia, è un’esperienza dal sapore autentico, fuori dagli itinerari più battuti, ricco di storia e di fascino, dove il tempo sembra essersi fermato.

 “Ci sono soltanto due luoghi al mondo, molto distanti tra loro con una luce ideale per la pittura: Atzara e l’isola di Ceylon. Tramonti così belli come quelli di Atzara, li ho ammirati solo in Palestina. “

Richard Scheürlen

Visitare Atzara, inserito tra i borghi più belli d’Italia, è un’esperienza dal sapore autentico, fuori dagli itinerari più battuti, ricco di storia e di fascino, dove il tempo sembra essersi fermato.

 “Ci sono soltanto due luoghi al mondo, molto distanti tra loro con una luce ideale per la pittura: Atzara e l’isola di Ceylon. Tramonti così belli come quelli di Atzara, li ho ammirati solo in Palestina. “

Richard Scheürlen

Il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Atzara, si propone come un museo del territorio, conservando la propria connotazione storica, proponendo e comunicando al pubblico, contenuti capaci di emozionare. Il MAMA è il collettore dei flussi turistici e delle migliori produzioni locali, stimolo allo sviluppo delle imprese di quest’area attraverso uno sforzo paritario d’innovazione propositiva, volta costantemente a iniziative di altissima qualità

Il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Atzara, si propone come un museo del territorio, conservando la propria connotazione storica, proponendo e comunicando al pubblico, contenuti capaci di emozionare. Il MAMA è il collettore dei flussi turistici e delle migliori produzioni locali, stimolo allo sviluppo delle imprese di quest’area attraverso uno sforzo paritario d’innovazione propositiva, volta costantemente a iniziative di altissima qualità

“Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco”

Bruno Munari

EDUMAMA è la sezione che progetta e gestisce le attività educative e didattiche consentendo al pubblico di vivere il Museo come luogo di esperienze diversificate, di formazione e sperimentazione attiva. I partecipanti ai laboratori diventano i protagonisti di un “viaggio” alla scoperta della collezione del museo e delle più importanti personalità artistiche contemporanee e del passato.


“Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco”

Bruno Munari

EDUMAMA è la sezione che progetta e gestisce le attività educative e didattiche consentendo al pubblico di vivere il Museo come luogo di esperienze diversificate, di formazione e sperimentazione attiva. I partecipanti ai laboratori diventano i protagonisti di un “viaggio” alla scoperta della collezione del museo e delle più importanti personalità artistiche contemporanee e del passato.